Oggi tuttavia un nuovo virus, per il quale i medici non hanno ancora sviluppato una cura, si sta diffondendo. Il nuovo virus ha una mortalità vicina al 90%, per cui ben più letale della ‘morte nera’ che sta flagellando il Madagascar, come riportato dall’Express.co.uk.

Il primo focolaio è scoppiato in Uganda e ci sono stati già 5 casi identificati. Il virus è conosciuto con il nome di Marburg. È simile all’Ebola e secondo la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità rappresenta una delle infezioni più virulente che possano colpire l’uomo:

Il Virus Marburg è responsabile di una malattia rara con un alto tasso di mortalità, per il quale non c’è alcun trattamento specifico. Il virus si trasmette attraverso contatto diretto con sangue, fluidi corporei, e tessuti di persone o animali selvatici infetti (scimmie e pipistrelli della frutta).”

Il focolaio si è sviluppato all’inizio di settembre quando un trentenne, che lavorava come cacciatore e che viveva vicino a una grotta popolata da pipistrelli, è stato ricoverato presso una piccola clinica locale, manifestando sintomi quali febbre alta, vomito e diarrea. Le sue condizioni si sono aggravate velocemente e la terapia antimalarica è stata inutile. L’uomo è morto subito dopo essere stato trasferito in un altro ospedale. Subito dopo è morta anche la sorella, con gli stessi sintomi.

Dopo la morte di altri tre membri della famiglia, a testimonianza dell’altissima virulenza del virus Marburg, sono stati avviati controlli a tappeto al confine tra Uganda e Kenya, in Turkana. Il personale sanitario è stato invitato a rendere i propri servizi presso le comunità agricole locali, nel tentativo di contenere il contagio. Si teme infatti che centinaia di persone siano state esposte al virus, e che un’epidemia di Marburg vada ad aggiungersi alla peste del Madagascar.

Secondo il dottor Zabulon Yoti, coordinatore tecnico di Emergency presso gli uffici regionali Africani dell’OMS, “il coinvolgimento della popolazione è la chiave del successo della risposta all’emergenza”. Gli operatori sanitari dovrebbero “lavorare con le comunità locali per costruirsi una possibilità di successo e sostenibilità” e sviluppare una più adeguata comprensione delle usanze e delle tradizioni locali.

traduzione e riadattamento di Domenico Migliorini

Fonte Byoblu.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore, inserisci qui il tuo nome