Ritorna la censura.

La notizia, inizialmente data da La Stampa, che sembrava ultimamente essersi contraddistinta per un rigurgito di libertà di informazione in merito ai vaccini obbligatori, non è più disponibile. NOTIZIA RIMOSSA!

Questo è l’esito, ancora visibile mentre scriviamo questo articolo, della ricerca su google di “vaccini ferite”, da cui si legge chiaramente che la bambina non aveva ferite

e questo è il risultato quando clicchiamo sopra quel link:

La Direzione della nostra Redazione ha segnalato il problema ai colleghi de La Stampa, questa ci ha risposto che la notizia è stata spostata su un altro link: questo, in cui, si riconferma che la bambina non aveva riportato nessun taglio o ferite:

Per quale motivo i medici dicono che si tratti di tetano?  

«Non lo sappiamo ancora. Mia figlia non ha ferite di alcun tipo e non è caduta. Non possiamo ancora dire che cosa abbia scatenato la malattia. Le stanno facendo tutti gli accertamenti e tutte le terapie per i curare i sintomi, ma non c’è un dato certo. Per ora tutti gli esami che le hanno fatto sono negativi, di altri i risultati devono ancora arrivare. Ed è questo che ci preoccupa di più. Ora voglio solo pensare a curare mia figlia e al fatto che lei sta meglio. É stabile, interagisce con noi. É tranquilla, compatibilmente con il fatto di essere in ospedale e sottoposta a terapia». 


Il dott. Burioni afferma giustamente come si possa contrarre il Tetano e propone la sua soluzione e lo fa su “Repubblica“: “Le spore del batterio del tetano sono dovunque, quindi qualunque ferita è a rischio” di causare questa “infezione pericolosissima” contro cui “non esiste immunità naturale. Neanche chi l’ha avuto ed è guarito è protetto” nei confronti del tetano. “L’unico modo in cui si può essere protetti è grazie alla vaccinazione che non ha efficacia perpetua: per questo è indispensabile sottoporsi ai richiami nei tempi prescritti”. Lo spiega Roberto Burioni, virologo ‘social’, dopo il caso della bimba di 7 anni – non vaccinata – ricoverata con forte sospetto di tetano all’ospedale Regina Margherita di Torino…”è come il casco quando si guida la moto.


Riportiamo quindi quanto scritto sul sito del “Ministero della Salute:

Il tetano è una malattia causata dalla contaminazione di tagli e ferite…Il tetano è una malattia infettiva acuta non contagiosa causata dal batterio Clostridium tetani, un bacillo gram-positivo che cresce solo in assenza di ossigeno (cioè è anaerobio), ed è presente in natura sia in forma vegetativa, che di spore.


Chiediamo quindi ai medici del Regina Margherita come possano “sospettare fortemente che si tratti di tetano” e come si possa, nuovamente spostare l’attenzione sui vaccini.

Ma la vaccinazione contro il Tetano è davvero efficace?
 A quanto pare non è del tutto efficace e si può contrarre comunque anche dopo la vaccinazione, ce lo spiegano il Dottor Gava e Serravalle in questo articolo di repertorio

3 Commenti

  1. fatemi capire: contrarre la malattia non da immunità mentre la vaccinazione si???Ma in base a quale principio si verifica una cosa simile?Per le altre malattie è il contrario…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore, inserisci qui il tuo nome