La Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi ed Odontoiatri il 4 ottobre 2017 ha pubblicato sul proprio sito istituzionale un durissimo Comunicato Stampa, che riportiamo integralmente, in cui dichiarano la SOSPENSIONE DI OGNI COLLABORAZIONE ISTITUZIONALE ANCHE A LIVELLO PERIFERICO!
Vuoi vedere che la svolta epocale della rottura dell’omertà della stampa ufficiale, dopo un 2017 di dittatura mediatica, è solo e semplicemente il frutto di questa ribellione?
Ufficialmente, scrivono, gli Ordini si ribellano perchè pretendono autonomia dalla Politica!! La stessa Politica alla quale si sono dimostrati proni per tutto l’anno. Ma da altre fonti emerge che il malcontento degli Ordini è dovuto alla soppressione di quelli minori.
Quindi gli stessi Medici che avrebbero dovuto contestare e disapplicare la L. 119/2017, perchè incostituzionale, discriminatoria, scientificamente inutile e pericolosa, ora la contestano e la disapplicano solo perchè i loro Ordini provinciali saranno demansionati, soppressi o esclusi dai posti di potere?
Il principio medico di decidere con scienza e coscienza sull’obiettivo primario della salute delle persone – come quello di verificare se un bambino è allergico o intollerante agli ingredienti dei vaccini o per verificare se ha già avuto alcune malattie infantili e quindi è protetto e non è necessario vaccinarlo – viene sacrificato alle circolari (!!), in barba alle leggi, ma all’improvviso ricompare solo adesso che il governo riforma gli Ordini provinciali?
Chi affiderebbe la salute propria e quella dei propri bambini a costoro? Che credibilità rimane ormai all’intera categoria?
E il solo leggere su Repubblica che la Lorenzin avrebbe dovuto essere più gentile con gli Ordini dei Medici e dare loro qualcosa in cambio del loro impegno profuso nella difesa del decreto e nella radiazione dei medici scomodi, ci fa pensare ai nostri bambini come bieca merce di scambio, consolidando, di fatto tutta la nostra totale sfiducia verso la categoria (salvo le note eccezioni che tutti noi conosciamo ed ai quali va il nostro totale apprezzamento, fiducia, ammirazione e solidarietà).
COMUNICATO STAMPA FNOMCeO DEL 4/10/2017
“La Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO), vista la stesura dell’articolo 3bis del DDL Lorenzin sulla riforma degli Ordini, prende atto del fatto che l’attuale testo superi
la reale esigenza di un adeguamento istituzionale, da tutti condiviso, per rappresentare di fatto l’introduzione di un primato della politica dei partiti sulle rappresentanze istituzionali della professione. La Federazione stigmatizza l’atteggiamento della politica rispetto ad un reale e necessario riordino del sistema di rappresentanze istituzionali e ritiene pertanto di ritirarsi da tutti i tavoli di collaborazione istituzionale in essere sino a quando le proprie istanze non abbiano avuto il necessario e concreto scolto. Preannuncia la convocazione di un Consiglio Nazionale straordinario urgente per dare atto ai Presidenti degli Ordini provinciali di aver svolto il mandato di merito affidatogli e condividere la proposta di sospendere ogni collaborazione istituzionale, anche a livello periferico. Esprime l’auspicio che il Parlamento riveda la propria posizione e tenga conto del fatto che l’autonomia della professione dalla politica è elemento di tutela e garanzia per la salute dei cittadini e per la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale”.

 

https://portale.fnomceo.it/fnomceo/showArticolo.2puntOT?id=161419

 

2 Commenti

  1. Sento tutta la Luce del poter confidare nel ritorno ad un minimo sindacale di rispetto degli Esseri umani e la loro preziosa, unica Vita, se “pur” zigzagando tra leggi inique create nel cinismo più totale e cieco al benessere di ognuno e persino a quello degli stessi che le creano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore, inserisci qui il tuo nome