È imminente lo scioglimento dell’Arma dei Carabinieri che, in un futuro prossimo, potrebbe essere accorpata alla Polizia di Stato, destinata ad essere degradata a polizia locale di secondo livello. Intanto il potere militare viene spostato nelle mani di un corpo sovranazionale chiamato Forza di gendarmeria europea e dotato di piena autonomia, nonché di particolari immunità ed inviolabilità.

La notizia ci arriva dall’Unione Nazionale Arma Carabinieri (UNAC) che già qualche anno fa aveva pubblicato una nota che recitava quanto segue: “L’Arma verso lo scioglimento. L’Unione Europea impone la smilitarizzazione della quarta Forza Armata e l’accorpamento dei carabinieri alla Polizia di Stato (…). L’Arma dei carabinieri in un futuro più o meno prossimo..si pensa entro due anni, è destinata ad un inevitabile scioglimento”. Nulla di cui stupirsi visto che poco meno di cinque anni fa – come al solito nel silenzio totale dei media, pronti ad occultare notizie di questo calibro – la Camera dei Deputati ratificava all’unanimità (tutti insieme appassionatamente) l’accordo europeo per la costituzione di una forza armata speciale, chiamata: Forza di gendarmeria europea (Eurogendfor o EGF).

L’EGF è il primo Corpo militare dell’Unione Europea a livello sovranazionale. Composta da forze di polizia di tipo militare, è legittimata ad intervenire in aree di crisi, sotto egida NATO, ONU, UE o di coalizioni costituite ‘ad hoc’ fra diversi Paesi. È previsto, inoltre, per questa forza di gendarmeria, uno schieramento standard di 800 uomini, mobilitabili in 30 giorni, più altri 1.500 di riserva. Ogni attività, e ogni decisione, viene gestita da due organi, uno politico e uno tecnico. Il primo è il comitato interdipartimentale di alto livello, chiamato CIMIN, acronimo di Comité InterMinistériel de haut Niveau, composto dai rappresentanti dei ministeri degli Esteri e della Difesa aderenti al trattato. L’altro è il Quartier generale permanente (PHQ), composto da 16 ufficiali e 14 sottufficiali (di cui rispettivamente 6 e 5 italiani). I sei incarichi portanti (comandante, vicecomandante, capo di stato maggiore e sottocapi per operazioni, pianificazione e logistica) sono ripartiti a rotazione biennale tra le varie nazionalità, secondo gli usuali criteri utilizzati per la composizione di forze armate formate da più nazioni. Si tratta quindi, come dicevamo, di un corpo armato che gode di piena autonomiaanche perché non risponde delle sue azioni né ai Parlamenti nazionali né a quelli europei, ma presenta ‘rapporto’ (è alle dipendenze dirette dei Governi, attraverso il sopracitato CIMIN). Il trattato di Velsen è l’accordo che istituisce questo corpo d’armata sovranazionale e che all’articolo 21 stabilisce l’inviolabilità dei locali, degli edifici e degli archivi di Eurogendfor. È prevista anche – all’articolo 22 – un’immunità da provvedimenti esecutivi dell’autorità giudiziaria dei singoli stati nazionali, estesa alle proprietà ed ai capitali del corpo di gendarmeria. L’articolo successivo fa rabbrividire perché decreta che tutte le comunicazioni degli ufficiali di Eurogendfor non possano essere intercettate. Saltandone cinque, e arrivando all’articolo 28, leggiamo che i Paesi firmatari sono in un certo senso obbligati a rinunciare a chiedere un indennizzo per danni procurati alle proprietà nel corso della preparazione o esecuzione delle operazioni dell’EGF. Ma la ciliegina sulla torta, in un paese che ha vissuto avvenimenti atroci come il G8 di Genova, ce la mette l’articolo 29, il quale prevede che tutti gli appartenenti all’ ‘eurogendarmeria’ non potranno subire procedimenti a loro carico a seguito di una sentenza emanata contro di loro, sia nello Stato ospitante che nel ricevente, in tutti quei casi collegati all’adempimento del loro servizio. Il blog Quinto Potere ci spiega poi come nello stesso trattato sia presente un’intera sezione, intitolata Missions and tasks, in cui si viene a conoscenza che Eurogendfor potrà operare “anche in sostituzione delle forze di polizia aventi status civile”, in tutte le fasi di gestione di una crisi e che il proprio personale potrà essere sottoposto all’autorità civile o sotto comando militare. Tra le altre cose, rientra nei compiti dell’Eurogendfor: – garantire la pubblica sicurezza e l’ordine pubblico; – eseguire compiti di polizia giudiziaria; – controllo, consulenza e supervisione della polizia locale, compreso il lavoro di indagine penale; – dirigere la pubblica sorveglianza; – operare come polizia di frontiera; – acquisire informazioni e svolgere operazioni di intelligence. Questo abnorme disegno che vi ho prospettato è stato ratificato dal nostro Parlamento in men che non si dica. Il 14 maggio 2010 la Camera dei Deputati lo ha approvato. Presenti 443, votanti 442, astenuti 1. Hanno votato sì 442: tutti, nessuno escluso. In men che non si dica, anche Palazzo Madama si adopera per far passare il trattato che in poco tempo riceve l’ok dell’aula. Il 12 giugno 2010 il Trattato di Velsen entra in vigore nel nostro bel paese. La legge di ratifica n° 84 riguarda da vicino l’Arma dei Carabinieri, che verrà assorbita nella Polizia di Stato, e quest’ultima verrà degradata a polizia locale di secondo livello. E così dopo aver perso la sovranità politica, con un governo che non è stato eletto dai nostri cittadini, pezzi di democrazia continuano a staccarsi. 

5 Commenti

  1. questa notizia gira da qualche anno sul web, con diverse smentite sopratutto da parte degli organi ufficiali, l’unico a darne notizia è l’unac …è possibile una verifica piu approfondita?

  2. Sembra essere collegata con la direttiva Minniti annunciata nell’agosto scorso, no? Polizia nei capoluoghi e Carabinieri nel resto del territorio. Siamo li…

  3. Ma non diciamo stupidaggini. Scioglimento dell’Arma perché lo vuole l’Europa? Usciamo dall’Europa.
    Ma l’Arma non si tocca.

  4. Era ora. . . .visto che l’Arma di oggi, purtroppo ha perso molti punti. . . . incominciando dai Superiori e giù, ora si che se vanno alle manifestazioni travisati, oppure manifestazioni in Piazza, travisati e Armati, riceveranno quello che si meritano, chiunque sia una bella pallottola, come in America, vedranno di non fare danni a attività commerciali, bruciare auto che non sono loro e altri atti vandalici. . . . .Eseguiranno la loro manifestazione o altro che sia, come persone CIVILI. . . .Sono molto-ma-molto contento della nuova Riforma. . . . . . . . . . . . . . .Almeno, avranno, lo stesso stipendio che prendono in Germania, in Spagna e gli altri paesi della UE, che certo non è quella miseria che danno ora. . . Inoltre Se Sparano a un Delinquente, i Magistrati devono STARE ZITTI. Un SACCO NERO CON CERNIERA E GIU’ NEL BUCO. . . . . . . . . ERA ORA.. . .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore, inserisci qui il tuo nome