Abbiamo appena appreso il seguente comunicato dispensato dall’associazione Comilva:

“Ieri, 10 AGOSTO 2017, COMILVA ha partecipato ad un tavolo di lavoro indetto da Codacons per la costituzione di una società scientifica italiana per il Principio di Precauzione. Scopo precipuo dell’iniziativa dovrebbe essere quello di mettere a sistema gli sforzi compiuti da diverse parti, con l’obiettivo di manifestare alla comunità scientifica e non l’esistenza di indicazioni precise e concordanti in moltissime delle segnalazioni registrate dalla Farmacovigilanza, e far valere, Sulla base del lavoro di revisione scientifico, la concreta applicazione del Principio di Precauzione. L’incontro ha visto la partecipazione di alcuni medici e di varie associazioni. Al termine dell’incontro è stato stilato un protocollo di intenti provvisorio che è all’esame del Direttivo per decidere la posizione che l ‘ Associazione prenderà nell’evoluzione dell’iniziativa, anche a fronte dei documenti che saranno prodotti nel frattempo dalla costituita Comitato dei Garanti. Gli stralci del suddetto protocollo che “girano” in rete e che sono usati, come spesso accade, per avanzare accuse senza senso e produrre sterili speculazioni, non sono da considerare documentazione riferibile in alcun modo agli atti ufficiali della COMILVA associazione, which will decide the times E modi per esprimere la sua posizione nel merito dell’iniziativa stessa. Il Direttivo. Per avanzare accuse senza senso e produrre sterili speculazioni, non sono da considerare documentazione riferibile in alcun modo a atti ufficiali dell’associazione COMILVA, che deciderà tempi e modi per esprimere la sua posizione sul merito dell’iniziativa stessa. Il Direttivo. Per avanzare accuse senza senso e produrre sterili speculazioni, non sono da considerare documentazione riferibile in alcun modo a atti ufficiali dell’associazione COMILVA, che deciderà tempi e modi per esprimere la sua posizione sul merito dell’iniziativa stessa. Il Direttivo.”

I primi commenti di questo incontro hanno destato non pochi stupori sui social. Alcuni hanno gridato al tradimento, altri hanno chiesto ulteriori approfondimenti. Da quanto riportato dal Comilva, l’incontro è stato preliminare ed inteso a trovare le giuste strategie per valorizzare gli studi e gli sforzi fino ad oggi portati avanti. Nulla di drammatico, quindi, tutto secondo le linee fino ad ora portate avanti dal movimento per la libera scelta vaccinale e da coloro che richiedono una libertà di terapia al pari di molti altri paesi europei.

Questa sera a Radio Informazione Libera, molti dei partecipanti a questo tavolo saranno presenti in trasmissione e quindi abbiamo chiesto un parere al suo titolare, Antonio Corcione: “Sapevo di questo incontro, ma non è stato ratificato assolutamente nulla! Sono stati invitati in via preliminare per comprendere le azioni da fare. Purtroppo la maggior parte delle comunicazioni non è sempre fatta bene e lascia adito a fraintendimenti”.

Attendiamo, quindi. Questa sera alle ore 21 su Radio Informazione Libera.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore, inserisci qui il tuo nome