I consiglieri regionali M5S Mario Conca e Marco Galante, componenti della III Commissione Sanità, hanno depositato una mozione che impegna la Regione Puglia ad impugnare davanti alla Corte Costituzionale la Legge sulle vaccinazioni di massa, voluta fortemente dal PD ed approvata a fine luglio.

I consiglieri premettono che la loro azione non si basa sulla contestazione dell’utilità di vaccinare la popolazione, ma contestano i metodi adottati per avallare il Decreto della Lorenzin, non del tutto trasparenti o scientifici.

Attaccano quindi il Governo, con questa levata di scudi, definendo GRAVE la posizione del Partito Democratico:

“Grave la responsabilità di chi ci governa – incalzano i cinquestelle -: per la prima volta un testo di legge impositivo di trattamenti sanitari viene approvato con la decretazione d’urgenza in assenza proprio dei presupposti di urgenza”!

Attendiamo quindi con ansia, la decisione della Regione Puglia ed in seguito, qualora decida di procedere verso una posizione democratica del sistema Italia, il controricorso dello Stato, osservando così, quanti soldi pubblici verranno ulteriormente spesi per difendersi dagli innumerevoli ricorsi civili ed amministrativi delle famiglie. Siamo solo all’inizio di un lungo calvario? O la Corte costituzionale ci salverà?

Alcuni avvocati si stanno adoperando per la causa, #Marcello avv. Stanca è uno di questi, che proprio oggi scrive sul suo profilo: La Corte Costituzionale che dovrá pronunciarsi sul decreto VACCINI ha recentemente emesso sentenza contro la Lorenzin cancellando la Commissione Centrale del Ministro che decide sulle radiazioni dei medici. Quindi abbiamo ragioni di credere che i Giudici possono ripetere sentenze coraggiose a favore della Libertá di Scelta.

Attendiamo sviluppi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore, inserisci qui il tuo nome