EFFETTI BIOLOGICI DELLA LUCE E DEI COLORI

La luce è necessaria alla vita sul nostro pianeta ed il suo campo d’azione nei processi biologici si estende circa dai 300 nm ai 700 nm, che sono coperti per 3/4 dai colori. Ad esempio la fotosintesi clorofilliana necessita di frequenze comprese tra i 600 ed i 680 nm (rossi ed infrarossi), la fotosintesi batterica oltre gli 800 nm; il ciclo di crescita delle piante superiori e la loro fioritura avviene nello spettro del rosso e dell’infrarosso dai 660 ai 730 nm, come anche la crescita animale, i loro cicli riproduttivi e di formazione dei pigmenti (non a caso le foglie sono verdi perché assorbono le frequenze del rosso e riflettono quelle del giallo e del blu). 24 Le cellule degli esseri viventi assorbono circa l’85% dell’energia solare che giunge sulla terra e reagiscono ad essa innescando vari processi biologici tutti di primaria importanza. Per quanto riguarda l’essere umano è opportuno ricordare che, come ogni altro essere bio1ogico, origina da una singola cellula; questa cellula, dopo le prime scissioni che daranno origine alla morula ed in seguito all’embrione, si organizza in lamine cellulari che andranno a costituire le varie componenti dell’individuo, queste lamine si chiamano foglietti embrionari e sono tre: ectoderma (da cui originano il sistema nervoso, gli epiteli superficiali e gli epiteli ghiandolari), mesoderma (da cui originano i muscoli, sistema urogenitale, connettivi e scheletro) ed endoderma (da cui originano epitelio delle vie respiratorie, epitelio delle vie digerenti e ghiandole dell’apparato digerente). Ma quale sarebbe l’azione della luce colorata? Si basa sul principio per cui diversi tipi di tessuto ed organi del nostro corpo sono sistemi che vibrano secondo frequenze corrispondenti alle diverse tonalità di colore; la guarigione avverrebbe soddisfacendo la necessità di ristabilire una vibrazione alterata, tramite il contributo di una vibrazione luminosa complementare. Le frequenze luminose interagiscono con il materiale biologico facendolo “risuonare”, cioè, in condizioni adeguate di proporzione tra massa interessata e frequenza luminosa, viene incrementato lo stato vibrazionale e quindi l’energia propria delle cellule interessate secondo il foglietto embrionario che le ha originate. Così le cellule del nostro corpo reagiscono alle frequenze luminose e danno risposte in base allo stato che sia in equilibrio o protenda verso una disfunzione o squilibrio patologico. 25 I colori e i loro effetti NON SOGGETTA A DOMANDE DI ESAME SOLAMENTE INFORMATIVA Vediamo ora i colori normalmente usati in terapia, le loro caratteristiche e i loro effetti. Rosso, colore caldo Corrisponde all’elemento fuoco, importante per tutte le forme viventi per il calore che dà e per i processi digestivi che avvengono ad ogni livello; ha un’azione stimolante ed eccitante per i nervi e per il sangue; stimola i nervi sensitivi, influendo beneficamente sulle loro funzioni: vista, udito, odorato, gusto e tatto; attiva la circolazione del sangue, stimola la secrezione del liquido cerebro-spinale e il sistema nervoso simpatico; è un costituente dell’emoglobina; scinde i cristalli di ferro e sale nei loro componenti, così il ferro può venire assorbito dai globuli rossi e il sale viene eliminato attraverso reni e pelle; il rosso è energetico per il fegato; è benefico per il sistema muscolare e per l’emisfero cerebrale sinistro; è vasodilatatore ed è benefico nei casi di contrazione muscolare; psicologica-mente simboleggia la salute, il fuoco, il sangue caldo, la rabbia, il temperamento collerico, il pericolo, la distruzione e dà all’uomo una sensazione di potenza; è utile per curare la presbiopia perché porta l’individuo a rientrare in se stesso, riporta l’estroverso dentro la sua interiorità; infonde vitalità e carica energetica al corpo fisico; compone i cristalli di sale presenti nel corpo che agiscono da catalizzatori per il processo di ionizzazione in mancanza del quale niente potrebbe essere assorbito dal corpo. Gli ioni sono i conduttori dell’energia elettromagnetica nel corpo, che sprigiona calore risolvendo situazioni di congestioni e catarri. Usare il rosso troppo o troppo spesso può causare febbre ed esaurimento; in combinazione con il blu si equilibra. Il rosso ha effetti benefici su: asma bronchiale, apatia e tutte le forme di debolezza mentale, deperimento fisico, ebetismo, paralisi, polmonite, problemi del sangue, problemi del sistema endocrino (in questo caso combatte lo stress e compie una funzione vitale per la salute dell’uomo sul piano fisico, mentale, emotivo e spirituale), stati depressivi, stati influenzali con febbre, stitichezza, tubercolosi, zona del plesso coccigeo. 26 Controindicazioni – Il colore rosso è controindicato per individui con i capelli rossi; nei casi di tensione; in presenza di neuriti o infiammazioni nervose; nei casi di pazzia; per persone con disturbi emotivi; per persone con aspetto florido; in presenza di stati infiammatori; per temperamenti eccitabili. Si sconsiglia l’uso del rosso in presenza di qualsiasi disturbo mentale ed emozionale, tranne che per individui catatonici, che persistono cioè in un atteggiamento fisico ripetitivo. Simbologia – Il rosso è simbolo del fuoco, della passione, della collera, del pericolo, della distruzione. Arancione, colore caldo L’arancione nasce dalla combinazione di raggi rossi e gialli e il suo potere terapeutico è superiore alla somma dei colori componenti. Esso coadiuva l’attività respiratoria, stimola la tiroide e inibisce l’attività delle ghiandole paratiroidee, che adempiono una funzione opposta a quella della tiroide; dall’equilibrio di queste due funzioni dipende una perfetta salute e il regolamento dell’attività respiratoria. La vibrazione arancione espande i polmoni, mentre la vibrazione indaco emessa dalle ghiandole paratiroidee li contrae. Grazie ad una reazione ossidante, l’attività vibratoria arancione accentua la presenza di idrocarburi nel processo chimico umano. In caso di ipotiroidismo si usa l’arancione, di ipertiroidismo si usa 1’ indaco. L’arancione si usa in caso di spasmi o crampi d qualsiasi tipo; esso favorisce il metabolismo del calcio riequilibra i processi digestivi e può avere effetto emetico. Il colore spettroscopico del calcio è arancione Questo colore stimola la produzione di latte nelle puerpere, accentua il numero delle pulsazioni cardiache senza influire sulla pressione sanguigna; influenza l’attività della milza e del pancreas favorendo sia l’assimilazione che la circolazione. Psicologicamente l’arancione combina energia fisica e mentale; libera energia dai plessi della milza e del pancreas; è il colore delle idee e dei concetti; espande il corpo eterico, ravviva i sentimenti e induce un senso di benessere generale e di gioia di vivere; rappresenta calore e prosperità; è il colore dell’entusiasmo, dell’ardore e della volontà di potenza. L’arancione ha effetti benefici su: affezioni polmonari, bronchite, calcoli biliari, carcinomi, disturbi renali, epilessia, esaurimento mentale, escrescenze maligne e non, gotta, iper/ipotiroidismo, menopausa, prolasso, reumatismi, tumori. Simbologia – L’arancione è il colore del calore, del fuoco, della febbre, simboleggia tepore e prosperità. 27 Giallo, colore caldo Attiva i nervi motori, favorendo la produzione di energia; eventuali difficoltà nella distribuzione dei raggi gialli nell’organismo possono essere causa di disturbi funzionali e anche di paralisi. I raggi gialli nascono dalla combinazione di raggi rossi e verdi, pertanto essi possiedono sia la potenza stimolatrice del rosso che quella rigeneratrice del verde. Applicando luce gialla alla zona dell’intestino, per un breve periodo si stimola la digestione, per un periodo lungo essa ha effetto purgativo. La luce gialla facilita il flusso della bile ed ha azione antiparassitaria; purifica il fegato, l’intestino e la pelle; depura il flusso sanguigno e attiva il sistema linfatico. Essa è ottima per i nervi e per il cervello, stimola l’attività motoria, è un costituente del sistema nervoso e funge da energetico per l’apparato nutrizionale. Il giallo esercita una funzione inibitoria sulla milza. Psicologicamente il giallo è efficace negli stati depressivi; esso è il colore dell’intelletto, più dal punto di vista percettivo che da quello raziocinante. Anticamente il giallo era il colore vitale per eccellenza ed evocava gioia, spensieratezza, allegria. ILgiallo ha effetti benefici su: costipazione, diabete, digestione, eczema, emorroidi, flatulenza, indigestione, paralisi, paraplegia, reumatismi, stati depressivi e di astenia psichica, disturbi epatici, della milza, renali. Controindicazioni – Il giallo è controindicato nei casi di: delirio, diarrea, infiammazioni cutanee, nevralgie, palpitazioni cardiache, sovreccitazjone e stati febbrili. Simbologia – Il giallo chiaro è il colore dell’intelletto e della percezione, richiama gioia e spensieratezza. Anticamente era considerato il principio animatore della vita; per i cinesi è simbolo di nobiltà. Il giallo scuro è simbolo di malattia, tradimento, inganno, vigliaccheria. Verde, il colore centrale dello spettro Il verde è il colore dell’azoto, principale componente dell’atmosfera; è l’elemento fondamentale dei muscoli, delle ossa e di altri tessuti. Il verde è un colore negativo, né acido, né alcalino; può essere usato con il blu; esso rinfresca, calma, rilassa fisicamente e mentalmente. Nei casi di esaurimento inizialmente ha effetti benefici, ma col tempo induce torpore. Questo colore influenza il sistema nervoso simpatico, agisce come vasodilatatore, abbassa la pressione del sangue, dilata i capillari, provoca una sensazione di calore, stimola l’ipofisi e favorisce la stabilità emotiva poiché il verde agisce come sedativo sul sistema nervoso, aiuta chi soffre di insonnia, esaurimento e instabilità, ma funge anche da afrodisiaco e stimola sessualmente. 28 Il verde è ritenuto il colore della vitamina B ed è l’elemento costitutivo di muscoli e tessuti; ha un’azione disinfettante, germicida, antisettica e battericida. Gli aspetti psicologici del verde si possono riassumere in: calmante; libera e distribuisce uniforme-mente la materia eterica; è il colore dell’energia, della giovinezza, dello sviluppo, dell’ inesperienza, della fertilità, della speranza e della vita nuova. Il verde ha effetti benefici su: asma, carcinoma, coliche, emorroidi, esaurimento, erisipela, febbre da fieno, insonnia, ipertensione, irritabilità, laringiti, malaria, malattie veneree, nevralgie, psicosi traumatica da choc, sovreccitazione, tifo, ulcera, disturbi cardiaci, epatici e del sistema nervoso. Simbologia – Il verde è il colore della speranza, della vita nuova, dell’energia, della fertilità, della crescita; infonde tranquillità Il verde scuro simboleggia invidia, gelosia, superstizione. Blu, colore freddo I raggi blu accelerano il metabolismo, potenziano la vitalità e favoriscono la crescita. Essi rallentano l’attività cardiaca e sono quindi indicati in caso di tachicardia. Questo colore agisce in modo particolare sul sangue, tonificandolo; ha proprietà antisettiche e battericide, per questo frena e controlla i processi suppurativi; è un colore freddo elettrico ed ha poteri di contrazione su arterie, vene e capillari elevando così la pressione sanguigna. I raggi blu sono considerati anticancerogeni; hanno potere penetrante e risultano eccellenti nel trattamento di disturbi infiammatori dove esplicano azione rinfrescante, calmante e astringente. Il blu genera equilibrio e armonia, quindi riporta il flusso sanguigno a livelli normali quando il sangue è surriscaldato e iperattivo; attenua l’eccitazione nervosa. Gli aspetti psicologici del blu sono molteplici: è benefico nei casi di sovreccitazione, negli stati di manie depressive; negli stati emotivi è più rilassante del verde; rilassa la mente e controlla il plesso faringeo che presiede all’attività creativa. Esso è utile nella cura della miopia sia sul piano fisico che psicologico, poiché 1’ individuo spinge 1’ ego verso l’esterno, ampliando il campo di orientamento e portando ad armonizzarsi con l’ambiente; viene usato per rimuovere le persone introverse dal loro stato di isolamento. E’ stato verificato che dopo 10 minuti di esposizione ai raggi blu la maggior parte degli individui si sente stanca e depressa. Indumenti e arredi di colore blu, se non sono mossi o spezzati da altri colori, provocano spossatezza e depressione. Il blu è il colore della verità, della devozione, della calma e della sincerità, come pure dell’intuizione, delle facoltà mentali superiori, della meditazione e dell’elevazione spirituale. 29 Il blu ha effetti benefici su: affezioni cutanee e febbrili, apoplessia, calvizie, cataratta, colera, coliche, crisi epatiche, diarrea, dissenteria, disturbi della gola e tonsilliti, epilessia, febbre tifoidea, glaucoma, gozzo, idrofobia, infiammazioni agli occhi, insonnia, isteria, itterizia, laringite, mal di denti e di testa, morbillo, palpitazioni cardiache, pertosse, poliomielite, prurito, reumatismi acuti, scarlattina, sifilide, ulcera duodenale e gastrica, ustioni, varicella, vomito, disturbi gastrointestinali, mestruali, renali, viscerali. Controindicazioni – Contrazioni muscolari, gotta, ipertensione, paralisi, reumatismo cronico, tachicardia. Simbologia – Il blu è colore dell’intuizione, delle facoltà mentali superiori; è simbolo di fiducia incondizionata, sincerità e calma; e segno di lealtà e fedeltà; è il colore dell’abbandono e della tristezza. Indaco, colore freddo L’indaco è un colore elettrico, rinfrescante e astringente. Esso stimola le ghiandole paratiroidee e agi come inibitore tiroideo e dell’attività respiratoria; pura il sangue, favorisce la produzione di fago nella milza, è emostatico ed è un tonico muscolare. Esso può essere usato come anestetico in qua può dare totale insensibilità: fissando l’indaco per me di lenti colorate per un tempo adeguato, si ottiene F sensibilità al dolore pur mantenendo la coscienza, probabilmente per la proprietà che questo colore ha di c vane talmente le vibrazioni di un individuo da prodi un distacco della coscienza dal corpo fisico. Effetti psicologici dell’indaco: controlla le correnti psichiche dei corpi sottili, presiede alle funzioni del plesso della fronte (terzo occhio), che a sua volta controlla la ghiandola pineale; influenza la vista, l’udito e l’olfatto sui piani fisico, psichico e spirituale. Sembra che l’organo della vista, per distinguere forme e oggetti, abbia bisogno dell’elemento porpora il cui colore sembra che sia l’indaco. L’indaco ha effetti benefici su: affezioni oculari e polmonari, appendicite, asma, bronchite, catara convulsioni, delirium tremens, dispepsia, disturbi di gola, orecchi, nasali, nervosi, insonnia, insufficienza olfattiva, ipertiroidismo, otopatie, paralisi e paresi facciale, pertosse, polmonite, psiconevrosi ossessive, rinopatie, sordità, tonsillite. 30 Violetto, colore freddo Il violetto attiva la milza, ha azione stimolante sui i nervi e inibitoria sul sistema linfatico; rallenta l’attività cardiaca e favorisce il flusso sanguigno alla parte superiore del cervello. Esso depura il sangue e produce leucociti; mantiene in equilibrio il sodio e il potassio necessari all’organismo impedendo che si sviluppino tumori; favorisce lo sviluppo osseo. Effetti psicologici del violetto: calma stati violenti di follia improvvisa; modera l’irritabilità e gli eccessi d’ira nella persona sana. Il violetto favorisce l’ispirazione e la spiritualità ed è considerato colore terapeutico per eccellenza. In Oriente è considerato il colore del plesso della corona, noto come il loto dei mille petali. Il violetto ha effetti benefici su: commozione cerebrale, crampi, dermatosi, difficoltà di sviluppo osseo, epilessia, leucoderma, malattie del cuoio capelluto, meningite, nevralgia, reumatismo, sciatica, tumore, disturbi nervosi, renali, della vescica. Ultravioletto L’ultravioletto esercita un’azione chimica e battericida sul sangue e sui tessuti del corpo; ha un ruolo importante nella determinazione dell’equilibrio tra calcio e fosforo e nella fissazione del ferro e dello iodio, quindi è efficace nel trattamento del rachitismo e del gozzo. Tra le vitamine e i raggi ultravioletti c’è interazione. L’ultravioletto annienta le tossine batteriche e coadiuva i globuli bianchi nella loro azione fagocitaria; potenzia l’attività linfatica e circolatoria; normalizza processi metabolici e le attività ghiandolari; stimola la produzione di anticorpi, consentendo all’organism di immunizzarsi contro le malattie. Questo colore esercita un’azione stimolatrice sul sistema simpatico ed. esercita azione sedativa contro dolore fisico; è benefico per il cuore e i polmoni. L’ultravioletto ha azione benefica su: affezioni polmonari, disturbi cardiaci, ferite, gonorrea, deficienze immunitarie, gozzo, fistole, rachitismo, sifilide, avitaminosi.

Prof. Tiziano Guerzoni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore, inserisci qui il tuo nome